ecohouse

Legno&Edilizia apre a rinnovabili ed edilizia eco sostenibile con EcoHouse

L’11^ biennale internazionale Legno&Edilizia cresce con EcoHouse

Quando il legno parla con edilizia e sostenibilità

L’uragano che a fine ottobre ha lacerato il Bellunese abbattendo migliaia di alberi d’alto fusto, ha portato in primo piano il soggetto foresta e il legno come risorsa. Il Centro Consorzi, la Scuola del legno e il Consorzio artigiano tutela ambiente della provincia di Belluno in questi giorni hanno proposto a livello nazionale un gemellaggio con l’Altopiano di Asiago e con le regioni del Centro Italia colpite dal terremoto. E’ stato presentato un progetto per ricostruire con gli alberi abbattuti le case distrutte dal sisma. Come sottolineano i firmatari del progetto, il piano ha anche l’obiettivo di aumentare le competenze di chi costruisce edifici in legno: tendenza in crescita negli ultimi anni, e non solo nelle regioni alpine, e che avrà spazio non solo nell’ambito di Legno&Edilizia, ma anche di EcoHouse, la rassegna sull’edilizia eco sostenibile che si svolgerà in contemporanea.

Tante ottime ragioni per costruire con il legno

Le case in legno si rivelano sempre più apprezzate. La capacità di isolamento termo- acustico, la risposta alle sollecitazioni telluriche, la sostenibilità della materia viva, le rendono dei campioni di salubrità e comfort. Lo ricordano Ado Rebuli e Raul Barbieri, presidente e direttore di Piemmeti SpA. La società, su questi temi, organizza con cadenza biennale proprio Legno&Edilizia, mostra internazionale specializzata nell’impiego del legno per le costruzioni di edifici e strutture. “All’11^ edizione di Legno&Edilizia prevista alla Fiera di Verona dal 7 al 10 febbraio 2019 – dice Rebuli – sono attesi 30.000 operatori professionali, dal momento che l’evento è l’unico del suo genere in Italia e richiama tanto operatori dell’artigianato e dell’industria quanto progettisti, studi professionali, carpentieri”.

Un’offerta merceologica senza pari

“Una grande attenzione al tema espressa con l’offerta merceologica di 250 espositori su 25.000 mq e con 70 tra incontri, convegni e seminari – prosegue Barbieri – per i quali contiamo sulla collaborazione di AIEL, ANCE, Anfus, ARCA (Provincia di Trento), Coordinamento Free, il professor Franco Laner (massimo esperto del legno lamellare e già ordinario di Tecnologia del legno allo IUAV di Venezia), Istituto di Tecnologia del legno Lazzari – Zenari, Italia Solare, Legambiente, Network Casa Clima, Percorsi Legno, Scuola SFP Enaip di Tione di Trento; e sui patrocini di Coordinamento Free, ENEA, Italia Solare, Kyoto Club, Legambiente. Ma una grande novità la porterà anche l’allestimento di EcoHouse. Il nuovo evento presenterà materiali e tecnologie per la sostenibilità e il risparmio energetico in edilizia”.

Verso un’edilizia non energivora grazie ad EcoHouse

EcoHouse si rivolge a progettisti, imprenditori edili, installatori e a quanti si occupano professionalmente di ristrutturazioni, costruzioni, efficientamento energetico. La manifestazione propone specifiche proposte in materia di edilizia eco sostenibile, energie rinnovabili, comfort ambientale e domotica. Geotermia, solare termico, biomasse sono i vettori che devono condurre le nostre città verso un’edilizia non più energivora, spiega Ado Rebuli; per questo i contenuti espositivi dell’imminente mostra Legno&Edilizia- EcoHouse si accrescono con la presenza di laboratori, dimostrazioni e giornate di approfondimento, precisa Raul Barbieri.

L’ingresso è libero previa registrazione (anche online). Orario continuato 9-18.